Ricerca
 
Cerca per anno
Cerca per keyword
Cerca per settore
Cerca per rubrica
Trova 
Sacmi RSS Feed
Scopri come abbonarti ai feed RSS di Sacmi
 
17/01/2007
C’era una volta la tecnologia ceramica

Dall’argilla lavorata al tornio alla produzione industriale: convegno a Sacmi Imola

C’era una volta il tornio, e mani esperte che, lavorando finemente l’impasto a base di argilla, creavano i manufatti ceramici. C’era una volta e c’è ancora, vista la lunga tradizione della ceramica artistica faentina, che rende la cittadina romagnola famosa in tutto il mondo. Estremamente diversi, al contempo, risultano gli impasti e le materie prime necessarie per una lavorazione industriale del prodotto. Anche l’argilla, che pure resta denominatore comune di tutti i manufatti ceramici, deve ormai essere raccolta e preparata secondo tecniche molto diverse rispetto al passato.

Ed è proprio questo percorso di sviluppo tecnologico – che assume anche i caratteri di un affascinante viaggio storico e culturale all’interno di un territorio tradizionalmente legato alla produzione della ceramica – ad essere oggetto del convegno “Terre da cuocere ieri, terre da cuocere oggi”, organizzato dall’Associazione Amici della Ceramica e del Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza. Già il secondo di un ciclo di sette incontri rivolti agli associati e agli allievi delle scuole d’arte, che si terrà sabato 20 gennaio alla sede di Sacmi Imola.

Un appuntamento dunque da non perdere, per chi vuole saperne di più sull’evoluzione degli impasti in funzione delle tecnologie, in un mondo, quello della ceramica industriale, che ormai spazia dai laterizi alla stoviglieria, dai refrattari agli isolanti, dalle piastrelle al gres porcellanato. In particolare, interverranno al convegno il ricercatore dell’Istec-Cnr Faenza Michele Dondi, che illustrerà la storia dell’utilizzo dei materiali argillosi a partire dai settori artigianali ed artistici. Quindi Andrea Bresciani, responsabile del Laboratorio ricerche ceramiche del Gruppo Sacmi, che parlerà delle qualità che devono avere i moderni impasti per consentire una buona lavorazione industriale.

Una lavorazione che è enormemente cambiata, nelle sue caratteristiche, non solo rispetto al mondo della ceramica artistica, ma anche rispetto a quello della prima industria ceramica su larga scala, sviluppatasi lungo la via Emilia nel corso degli anni Sessanta. Incontri interessanti, quindi, non solo per i membri dell’Associazione Amici della Ceramica di Faenza e per gli allievi del locale Istituto d’Arte – destinatari particolari del progetto – ma anche per quei lavoratori, ormai pensionati, che avevano lavorato nell’industria ceramica durante gli anni del boom. All’incontro, che si terrà a partire dalle 10.30, seguirà una visita allo stabilimento e ai laboratori di ricerca Sacmi.

Indietro

News Eventi

 
19/09/2018
Euro PM2018 Congress and Exhibition
SACMI sbarca a Bilbao, Spagna, dal 14 al 18 ottobre 2018  >>

17/09/2018
SACMI a Tecnargilla 2018, il miglior stato dell'arte di Fabbrica Ceramica 4.0
Dal super-compattatore PCR 3000 alle presse ad automazione integrata, sino all’handling automatizzato in ambito Sanitaryware. Accanto, la reingegnerizzazione dell’impianto e del magazzino in ottica 4.0  >>

17/09/2018
“Go Fast. Go Future”, il 24 settembre a Imola il 12° Meeting SACMI Sanitaryware
L’appuntamento anticipa con dimostrazioni dal vivo le principali novità tecnologiche in fiera. Quest’anno, focus sul nuovo impianto pilota e sulle novità nel reparto modelleria.  >>

13/09/2018
Pack Expo 2018, SACMI Beverage vola a Chicago
Alla principale fiera del Nord America, esposte la riempitrice LINEAR per Bag In Box accanto alle soluzioni per l’ispezione della bottiglia e del contenitore etichettato  >>

 

Questo sito web utilizza i "cookies". Proseguendo nella navigazione del sito, si autorizza l’uso dei cookies in conformità alla nostra politica sui cookies. Per saperne di più o negare il consenso ad alcuni cookies clicca qui.

accept cookie policy