Ricerca
 
Cerca per anno
Cerca per keyword
Cerca per settore
Cerca per rubrica
Trova 
Sacmi RSS Feed
Scopri come abbonarti ai feed RSS di Sacmi
 
18/06/2002
Grèsestruso Rapido Sacmi

il futuro è grande

Provate ad immaginare un pavimento estruso di grande formato, sottile, greificato, variamente smaltato e poi chiedetevi se state sognando, troverete una sola risposta: SACMI. Una nuova tecnologia Sacmi sta rivoluzionando infatti il mondo estruso, conferendogli quelle caratteristiche che fino a ieri sembravano una chimera. Per raggiungere questo nuovo traguardo Sacmi ha deciso di sfruttare e calibrare alcune macchine tipiche della tecnologia della piastrella pressata, come forno a rulli, essiccatoio a rulli, linee di scelta automatiche, nelle quali è leader, e di aggiunge macchine progettate appositamente (taglierina) per estruso, ottenendo un risultato eccezionale e inedito. Il pavimento estruso, si sa, è un prodotto antico, nelle sue varie forme, richiama i concetti di prodotto naturale (cotto) o di prodotto tecnico dagli ottimi requisiti chimico fisici (kilnker). Esso è sempre stato un prodotto rustico, soprattutto per necessità legate alla tecnologia tradizionale, come l’estrusione in doppio pezzo, gli essiccatoi a tunnel, i forni a tunnel a grande carica. L’impilamento sul forno costringe, da sempre, le aziende a produrre formati non grandi, non completamente greificati, di grosso spessore e di difficile smaltatura (due facce). Oggi però il mercato vuole cose diverse: grandi formati, ottima greificazione, ampia possibilità di operare sulla superficie per ottenere i più svariati effetti estetici. SACMI ha trovato una valida risposta a queste esigenze. La ricetta? Semplice, per chi se ne intende di buona cucina. Partiamo dalla preparazione dell’impasto. La vasta gamma di prodotti, dal cotto (rosso, poroso, fatto di argille naturali) al klinker (bassa porosità, realizzato con impasti ceramici) fino al gres porcellanato vero e proprio (porosità vicina allo 0), necessita evidentemente d’impianti di preparazione molto diversi. Il più diffuso è l’impianto di macinazione a secco, in cui vengono usati mulini differenti in funzione della granulometria richiesta dal prodotto e della durezza della materia prima. Le argille macinate vengono setacciate, insilate e dosate per ottenere il giusto impasto. Segue un mescolatore/umidificatore in continuo o intermittente che, alla funzione di miscelazione, aggiunge la bagnatura opportuna per la successiva estrusione. In alternativa la preparazione può essere con impasto atomizzato, se la qualità finale lo richieda. Il processo successivo è quello di estrusione. La fase di formatura avviene con estrusori operanti sotto vuoto pensati ad hoc per l’estrusione in piano anche di formati molto grandi (600x600, 600x900) e di piccolo spessore (6-12 mm). Tutte le attrezzature (coni di estrusione e stampi) sono state studiate appositamente. Sotto controllo computerizzato sono i parametri fondamentali che garantiscono la qualità e la costanza del prodotto: la plasticità in estrusione, la pressione, l’umidità. E solo a questo punto si può parlare del taglio, capitolo tra i più interessanti.
Indietro

News Tecnologia

 
03/07/2018
CHS360 Sacmi, riferimento mondiale per l’ispezione delle tall alluminium caps
Dall’Australia al Cile, altre 4 soluzioni di recente fornite ad aziende operanti nel closures per il settore vino. Da segnalare le nuove features della macchina, per il controllo qualità totale di queste particolari capsule  >>

24/05/2018
L’ATM Sacmi, 50 anni ma non li dimostra
Mezzo secolo di onorato servizio per l’ATM35 installato presso Marazzi.  >>

09/04/2018
Sacmi, partner globale per il packaging sostenibile
Con la nuova Sacmi Heroline è possibile realizzare contenitori più leggeri e performanti, con risparmi sui costi delle materie prime, ottimizzazione dei consumi ed incremento di efficienza logistica.  >>

23/03/2018
GDA80, il piccolo gioiello Sacmi-Gaiotto protagonista in oltre 100 stabilimenti di tutto il mondo
Dal suo lancio sul mercato, nel 2013, i dati raccolti sul campo parlano chiaro: in un solo anno di utilizzo l’investimento viene ammortizzato grazie a risparmi superiori al 90% su interventi manuali e ricambistica  >>

 

Questo sito web utilizza i "cookies". Proseguendo nella navigazione del sito, si autorizza l’uso dei cookies in conformità alla nostra politica sui cookies. Per saperne di più o negare il consenso ad alcuni cookies clicca qui.

accept cookie policy