Ricerca
 
Cerca per anno
Cerca per keyword
Cerca per settore
Cerca per rubrica
Trova 
Sacmi RSS Feed
Scopri come abbonarti ai feed RSS di Sacmi
 
30/09/2016
Meeting the future of Sacmi Heavy Clay – Il gotha dell’industria del laterizio a confronto sul Garda

Un convegno tecnico che fa il punto sugli scenari e le tecnologie del settore laterizi nel mondo

Una giornata, quella di mercoledì, organizzata da Sacmi con finalità duplice: non solo presentare alla città di Verona la nuova struttura, ma anche cogliere l’occasione per un confronto, alla presenza dei massimi protagonisti italiani e internazionali, sui trend del mercato edilizio e, in modo particolare, su nuovi scenari e opportunità che si aprono – a fronte di una timida, se pure costante, ripresa – per le aziende che operano in questo settore. Da qui la scelta di far precedere all’inaugurazione di Cosmec un vero e proprio simposio internazionale, organizzato nella suggestiva cornice del Poiano Resort Hotel di Garda, dal titolo “Meeting the future”, a cui hanno preso parte oltre un centinaio di protagonisti tra produttori, esperti, attuali e potenziali clienti di Sacmi-Cosmec.

Grande realismo – la crisi del 2009 ha lasciato segni indelebili nel settore – unito ad altrettanta fiducia nella capacità dei produttori di sapersi misurare con le nuove sfide di Industry 4.0 – sono stati il filo conduttore dell’incontro, aperto da HeimoSheuch, CEO di Wienerberger, la più importante azienda del mondo nella produzione di laterizi con sede a Vienna. Quello delle costruzioni – ha osservato Sheuch – è oggi un mercato estremamente dinamico che, a fronte di un crollo dei volumi che a fine 2009, per certi Paesi dell’area Ue, ha sfiorato addirittura l’80%, vede un cenno di ripresa sia in Europa (con Germania, Gran Bretagna e Polonia a fare da traino) sia nel mondo, se pure in una cornice profondamente diversa rispetto agli anni pre-crisi. “Come produttori – ha spiegato, snocciolando di fronte alla platea cifre e best practice edilizie – dobbiamo dimostrare al mercato e alle singole comunità di essere all’altezza di trovare soluzioni, attraverso l’innovazione sia di processo sia di prodotto”.

Edifici di mattoni – e senza un grammo di cemento armato – antisismici e a impatto zero, interventi di riqualificazione urbana sia sull'edilizia residenziale sia nei centri storici sono solo alcuni esempi della strategia da percorrere, nell’ambito di quello identificato dal Cresme (istituto italiano di riferimento per analisi previsionali nel settore) come “7° ciclo edilizio”: il quale sembra essere qualcosa di molto di più (e di diverso) rispetto a una “ripresina”. “Tutte le analisi – ha spiegato Lorenzo Bellicini, amministratore delegato dell’Istituto, anticipando alcuni dei contenuti del Rapporto congiunturale e previsionale Cresme che sarà presentato a Bologna il 18 ottobre prossimo – indicano una crescita globale del 50% del mercato nei prossimi 20 anni. Ciò non significa che intercettare questi trend sarà semplice, né che i mercati siano tra loro tutti uguali nelle dinamiche e nelle performance”.

L’Italia, ad esempio, dove a fare notizia non è tanto (o solo) la modesta ripresa del comparto (più 2% nel 2015, tendenziale confermato anche per l’anno in corso), quanto la rivoluzione che vede oramai concentrare oltre il 70% del mercato nell’ambito delle ristrutturazioni e delle manutenzioni ordinarie e straordinarie, mentre il nuovo stenta a ripartire. Con tutto quello che ne consegue in termini di ricerca di nuove tipologie di prodotto, capacità di intervento in cantiere, sinergie con gli impiantisti. Oppure i principali mercati internazionali, già orizzonte di riferimento per realtà come Sacmi e Cosmec, che se pure in un quadro generale di crescita vedono logiche del tutto peculiari di cui i produttori devono tenere conto.

Algeria, Turchia, Argentina, Russia: quattro angoli del mondo oggetto di altrettanti focus al simposio sul Garda. Dalla prima – vero e proprio salvagente, insieme al resto del Nord Africa, per i produttori europei negli anni della crisi – ci si attende ad esempio un’impennata ulteriore della richiesta di tecnologie evolute, insieme alla capacità di formare ed assistere i tecnici in loco: “Basti pensare – ha sottolineato Luca Casaletti di Bongioanni Stampi – che nonostante questo mercato viaggi su volumi che si avvicinano ai 30 milioni di tonnellate l’anno (più di Spagna e Italia negli anni del boom, N.d.R.) i produttori locali scontano ancora una notevole difficoltà nel trovare partner tecnologici e personale adeguato, con il risultato di volumi decisamente inferiori alla potenziale capacità produttiva”. Oppure la Turchia, rappresentata nell’occasione da GokhanGorciz, presidente e membro del cda di Tukder, la principale associazione turca dei produttori di laterizi e tegole (140 associati, 75% del mercato), un Paese dall’economia e dalla crescita stabili, nonostante le recenti perturbazioni, “dove serviranno almeno 300 nuovi forni nei prossimi anni per sostituire quelli attuali, in gran parte obsoleti”, ha lanciato la sfida Gorciz, invitando tutti i presenti ad una trasferta oltre il Bosforo.

Scenari e peculiarità di un Paese giovane – la Turchia vedrà la propria popolazione superare gli 85 milioni nel 2025 – che fanno da contraltare ad Italia, Germania e Giappone dove spopolano (e sempre di più sarà così in futuro) gli over 65. Mercati tanto diversi tra loro quanto quelli di Russia e Argentina, la prima che ancora sta pagando le conseguenze della crisi Ucraina (e dove sanzioni e svalutazione del rublo hanno fortemente limitato la possibilità di tradurre le iniziali aspettative in opportunità concrete di investimento, ha spiegato Xavier Del Molino, vicedirettore commerciale Verdes), la seconda che al contrario, se pure in uno scenario di mutevoli regole del gioco ed instabilità politica, ha virato decisamente verso la richiesta di prodotti e tecnologie di qualità per una domanda abitativa in continua crescita. “L’adeguamento del costo dell’energia agli standard internazionali e le nuove regole sull’efficienza degli edifici – ha sottolineato Angel Di Benedetto, Gruppo Latercer, che da solo detiene quasi i due terzi del mercato interno – ci impongono un ulteriore salto di qualità nella tecnologia e nel prodotto”. In sostanza nuovi mattoni, più densi, di nuovi materiali compositi, per quello che, bene o male, resterà sempre il prodotto più ecologico, durevole e versatile tra i materiali da costruzione.
Indietro

News Eventi

 
19/10/2017
Sacmi, full packaging solutions a Gulfood Manufacturing 2017
Appuntamento a Dubai dal 31 ottobre al 2 novembre con un doppio spazio espositivo. Come di consueto focus principale il mondo BEVERAGE e novità di quest’anno la compartecipazione di CM-OPM, presente con un’incartatrice CMY55CD.  >>

09/10/2017
Soluzioni SACMI 4.0 a CBST 2017 di Shanghai
Tre sedi locali e decenni di operatività sul mercato cinese si affiancano alle molteplici novità in campo sia sulla gamma di macchine sia sotto il profilo del supervisore d’impianto  >>

29/09/2017
Host Milano accoglie l’innovativa soluzione Sacmi per la produzione di coffee capsules
La rivoluzionaria proposta trasla su questo settore tutti i vantaggi della tecnologia di compressione Sacmi, ampiamente testati e riconosciuti nella produzione di capsule per il mercato del Beverage.  >>

22/09/2017
Riedhammer protagonista alla fiera Powtech 2017
L’azienda del Gruppo Sacmi presenta le ultime soluzioni tecnologiche all’evento di riferimento nel settore delle polveri, granulati e materiali similari (Norimberga, 26-28 settembre 2017)  >>

 

Questo sito web utilizza i "cookies". Proseguendo nella navigazione del sito, si autorizza l’uso dei cookies in conformità alla nostra politica sui cookies. Per saperne di più o negare il consenso ad alcuni cookies clicca qui.

accept cookie policy