Ricerca
 
Cerca per anno
Cerca per keyword
Cerca per settore
Cerca per rubrica
Trova 
Sacmi RSS Feed
Scopri come abbonarti ai feed RSS di Sacmi
 
22/05/2008
Stampi caldi e uniformi? Basta la “380”

La risposta di Sacmi alla crescente domanda di grandi formati

C’era una volta il riscaldamento degli stampi per presse idrauliche con resistenze elettriche a bassa tensione (48-50 volt). Relativamente contenuto il dispendio energetico, per una soluzione che si rivelava efficace con stampi di dimensione ridotta in rapporto alla “luce” della pressa. Poi il mercato è radicalmente cambiato, si è evoluta la struttura della domanda e sempre più l’industria ceramica deve fare i conti con i grandi formati, che impongono presse di dimensioni più elevate, e, ovviamente, stampi più grandi, che necessitano di una maggiore potenza per essere adeguatamente riscaldati.

Come insegnano le leggi dell’elettrotecnica, per erogare molta potenza a bassa tensione sono necessari cavi di grande diametro, poco flessibili e difficilmente gestibili. Tanto più considerando le caratteristiche intrinseche del processo produttivo: fissato alla parte superiore della pressa, lo stampo viene rimosso a ogni ciclo di pressatura; così i cavi sono sottoposti a sommovimenti e tensioni, il che richiederebbe grande flessibilità. Un problema che cominciava a farsi sentire nelle linee produttive istallate, preda di frequenti avarie causate dalla rigidità del cablaggio. Un problema risolto con successo da Sacmi, con una soluzione semplice e affidabile: una macchina in grado di procedere al riscaldamento degli stampi utilizzando la normale tensione elettrica presente in azienda, tra i 380 e i 400 volt. In questo caso, a fronte di una grande potenza erogata, non sono necessari cavi di grosse dimensioni e risulta anche più agevole applicare connettori rapidi, con notevole guadagno in efficienza e sicurezza anche durante la fase di sostituzione dello stampo. A ciò occorre aggiungere che l’assenza dei trasformatori sulla pressa consente una riduzione dei consumi del 3-5% (in virtù del rendimento di trasformazione), oltre che un contenimento dei costi per la mancata fornitura dei trasformatori e dei cavi di grossa sezione. Tutti i cablaggi elettrici sono poi veicolati all'interno degli stampi in foratura profonda; ne consegue una "pulizia" estetica che evita tutte le problematiche tipiche dei vecchi cablaggi esterni, quali  danneggiamenti, accumulo polvere e difficoltà di manutenzione.

Ma Sacmi ha affrontato con perizia anche il problema numero due, in materia di stampi di grandi dimensioni: questi, infatti, devono essere scaldati uniformemente, il che non è sempre agevole a causa delle differenti condizioni termiche in cui si trovano le diverse sezioni dello stampo durante la produzione. Significativa, ad esempio, la differenza di temperatura riscontrabile tra la parte anteriore e posteriore della matrice. Una differenza non risolvibile con tecniche tradizionali, non essendo possibile controllare in modo autonomo i due lati dello stampo.

Fino a ieri, perché il sistema di riscaldamento ad alta tensione di Sacmi permette di regolare in modo autonomo ben 16 distinte zone dello stampo. La soluzione ottimale, nota Sacmi, per il problema della distribuzione delle temperature, con il sistema che modula la corrente elettrica in automatico verso le distinte parti dello stampo a seconda delle peculiari condizioni termiche delle stesse. Chiaramente, queste variabili sono sotto il controllo dell’operatore della pressa, che può gestirle a seconda della necessità.

Indietro

News Tecnologia

 
03/07/2018
CHS360 Sacmi, riferimento mondiale per l’ispezione delle tall alluminium caps
Dall’Australia al Cile, altre 4 soluzioni di recente fornite ad aziende operanti nel closures per il settore vino. Da segnalare le nuove features della macchina, per il controllo qualità totale di queste particolari capsule  >>

24/05/2018
L’ATM Sacmi, 50 anni ma non li dimostra
Mezzo secolo di onorato servizio per l’ATM35 installato presso Marazzi.  >>

09/04/2018
Sacmi, partner globale per il packaging sostenibile
Con la nuova Sacmi Heroline è possibile realizzare contenitori più leggeri e performanti, con risparmi sui costi delle materie prime, ottimizzazione dei consumi ed incremento di efficienza logistica.  >>

23/03/2018
GDA80, il piccolo gioiello Sacmi-Gaiotto protagonista in oltre 100 stabilimenti di tutto il mondo
Dal suo lancio sul mercato, nel 2013, i dati raccolti sul campo parlano chiaro: in un solo anno di utilizzo l’investimento viene ammortizzato grazie a risparmi superiori al 90% su interventi manuali e ricambistica  >>

 

Questo sito web utilizza i "cookies". Proseguendo nella navigazione del sito, si autorizza l’uso dei cookies in conformità alla nostra politica sui cookies. Per saperne di più o negare il consenso ad alcuni cookies clicca qui.

accept cookie policy