Ricerca
 
Cerca per anno
Cerca per keyword
Cerca per settore
Cerca per rubrica
Trova 
Sacmi RSS Feed
Scopri come abbonarti ai feed RSS di Sacmi
 
16/06/2016
Key player globali del settore scelgono la tecnologia FFS di Sacmi per il segmento delle beverage pods in Brasile

Elevata produttività, automazione e garanzia sul processo di riempimento asettico: così la tecnologia form-fill-seal di Sacmi conquista un ulteriore tassello in un mercato e in un settore strategici per il futuro del beverage

Oltre 80 macchine asettiche fornite in tutto il mondo, con caratteristiche tali – dall’elevatissima produttività all’innovativo sistema di sterilizzazione – da farne la soluzione più appetibile per il packaging di bevande e prodotti dairy. È la tecnologia FFS (form-fill-seal) asettica di Sacmi, scelta da un colosso del settore – frutto di una joint venture tra un importante imbottigliatore del continente Americano e un fornitore internazionale di distributori automatici – per la produzione, riempimento e confezionamento della propria gamma di bevande in capsule, un mercato che ha conosciuto negli ultimi anni un grande interesse a causa del mutamento delle abitudini di consumo e con l’ingresso sul mercato dei principali player internazionali del settore.

La soluzione fornita – Miniasepack a 30 cavità – si caratterizza per una produttività oraria nell’ordine di 50.400 pezzi, da 15 a 50 ml in materiale PS-EVOH-PE, dello spessore compreso tra 0,8 e 1,2 mm e protette con film in ALU-PET.
La macchina realizza in un unico processo la termoformatura della capsula, il riempimento asettico e la chiusura del pack. Razionale e snello, il processo produttivo si distingue per automazione e velocità elevatissime e per la garanzia assoluta sull’integrità del prodotto (in questo caso, bevande concentrate e sterilizzate tramite trattamento UHT).

Tra i diversi plus della soluzione, ad attirare l’attenzione del cliente, è stato infatti il particolare sistema di sterilizzazione incorporato nella FFS, che avviene a vari livelli del ciclo operativo: anzitutto, la super-sterilizzazione dei materiali di cui è composta la capsula, realizzata grazie all’azione di nebbie di H2O2 (acqua ossigenata); tutto il processo di formatura, riempimento e saldatura del pack avvengono poi in ambiente sterile, lasciando come unico residuo – successivamente al riscaldamento – il vapore d’acqua.

Mercati target del nuovo colosso è il continente Americano, con l’obiettivo di proporsi come la prima piattaforma dell’area in grado di cogliere la rivoluzione in atto nel modo di consumare le bevande, non solo al lavoro ma anche e soprattutto in ambiente domestico. Grazie all’abbinamento tra la macchina a capsule e un distributore di acqua naturale purificata, infatti, il consumatore può ottenere una grandissima varietà di bevande, calde, fredde e CSD (ben 24 i differenti gusti proposti nella nuova gamma di capsule, per una potenzialità produttiva a regime della nuova linea installata pari a 1 milione di capsule al giorno).

Attrezzata per cogliere al meglio questa rivoluzione nel settore, Sacmi rafforza così ulteriormente la propria posizione sullo strategico mercato del continente americano. Un risultato ottenuto anche grazie all’impeccabile reputazione ed alle referenze già acquisite.
Indietro

News Tecnologia

 
03/07/2018
CHS360 Sacmi, riferimento mondiale per l’ispezione delle tall alluminium caps
Dall’Australia al Cile, altre 4 soluzioni di recente fornite ad aziende operanti nel closures per il settore vino. Da segnalare le nuove features della macchina, per il controllo qualità totale di queste particolari capsule  >>

24/05/2018
L’ATM Sacmi, 50 anni ma non li dimostra
Mezzo secolo di onorato servizio per l’ATM35 installato presso Marazzi.  >>

09/04/2018
Sacmi, partner globale per il packaging sostenibile
Con la nuova Sacmi Heroline è possibile realizzare contenitori più leggeri e performanti, con risparmi sui costi delle materie prime, ottimizzazione dei consumi ed incremento di efficienza logistica.  >>

23/03/2018
GDA80, il piccolo gioiello Sacmi-Gaiotto protagonista in oltre 100 stabilimenti di tutto il mondo
Dal suo lancio sul mercato, nel 2013, i dati raccolti sul campo parlano chiaro: in un solo anno di utilizzo l’investimento viene ammortizzato grazie a risparmi superiori al 90% su interventi manuali e ricambistica  >>

 

Questo sito web utilizza i "cookies". Proseguendo nella navigazione del sito, si autorizza l’uso dei cookies in conformità alla nostra politica sui cookies. Per saperne di più o negare il consenso ad alcuni cookies clicca qui.

accept cookie policy