Ricerca
 
Cerca per anno
Cerca per keyword
Cerca per settore
Cerca per rubrica
Trova 
Sacmi RSS Feed
Scopri come abbonarti ai feed RSS di Sacmi
 
26/07/2007
Roll Fed Sleeve Technology e Poliolefine, il futuro dell’etichettaggio

Alte performance nel rispetto dell’ambiente: la risposta di Sacmi Labelling

Il confezionamento in materie plastiche – soprattutto PET, PP, HDPE e PVC – sta conquistando nuovi settori, estranei a quello del beverage: dall’alimentare alla cosmetica, dall’industria farmaceutica ai detergenti chimici. Allo stesso tempo, è in decisa crescita –  nell’ordine del 10-15% l’anno – anche la tecnica di etichettaggio basata sul procedimento “sleeve”, cioè etichette in plastica applicate per termoretrazione che hanno il grande pregio di adattarsi a contenitori di qualsiasi forma, e di proteggere meglio il prodotto riducendone il contatto con le fonti di luce.

Ma se la plastica per contenitori ed etichette sta rapidamente conquistando il mercato del packaging, si sta facendo strada nel mondo industriale la consapevolezza che l’ambiente è una risorsa limitata, quindi da trattare con un approccio ecologicamente sostenibile. Da sempre attenta a coniugare le esigenze del mercato con quelle dell’ambiente, Sacmi Labelling conferma la sua posizione di azienda leader nell’innovazione con il lancio del modello Opera R.F.S.T., ovvero Roll Fed Sleeve Technology, una macchina etichettatrice modulare che permette l’applicazione di sleeve tubolari – sfruttando la tecnologia del vuoto – partendo direttamente da film in bobina. La stazione di saldatura, poi, lavora con una sorgente laser e una testa a scanner ad alta velocità: lo sleeve così ottenuto viene posizionato sui contenitori, mentre il processo di termoretrazione si completa in successive stazioni termiche.

Il pregio dell’etichettaggio attraverso Opera R.F.S.T.? Autonomia illimitata, adattabilità a diversi tipi di film, economicità e sicurezza: a differenza di altri metodi di saldatura che sfruttano agenti quali colla, raggi ultravioletti, ultrasuoni e solventi chimici, la saldatura attraverso il laser  non produce infatti gas tossici come ozono, diossina e cloro, che non solo inquinano ma comportano anche il rischio di contaminazione del prodotto confezionato. Una risposta di alto livello, quella di Sacmi Labelling, all’esigenza – molto sentita dai colossi mondiali del settore del film plastico – di trovare alternative al PVC e al PET, come ad esempio le Poliolefine, polimeri sintetici a base di carbone e idrogeno.

Altamente performanti, meno costose del PET, le etichette in Poliolefine consentono un facile riutilizzo del pack. Infatti, si stima che molti contenitori per soft drink sfuggano al circuito del riciclo non solo per incuria, ma anche per l’effettiva difficoltà a separare dal contenitore in fase di riciclaggio le etichette in altri materiali comunemente utilizzati per la tecnica sleeve . Diversamente dalle Poliolefine, più leggere del PET e completamente separabili mediante semplice galleggiamento in acqua. Il risultato dell’associazione delle due tecnologie – Roll Fed Sleeve Technology e Poliolefine – è quindi una perfetta sintesi di sicurezza, ecologia ed economicità, costituendosi ad oggi come il miglior sistema per l’etichettaggio termoretratto.

Indietro

News Tecnologia

 
03/07/2018
CHS360 Sacmi, riferimento mondiale per l’ispezione delle tall alluminium caps
Dall’Australia al Cile, altre 4 soluzioni di recente fornite ad aziende operanti nel closures per il settore vino. Da segnalare le nuove features della macchina, per il controllo qualità totale di queste particolari capsule  >>

24/05/2018
L’ATM Sacmi, 50 anni ma non li dimostra
Mezzo secolo di onorato servizio per l’ATM35 installato presso Marazzi.  >>

09/04/2018
Sacmi, partner globale per il packaging sostenibile
Con la nuova Sacmi Heroline è possibile realizzare contenitori più leggeri e performanti, con risparmi sui costi delle materie prime, ottimizzazione dei consumi ed incremento di efficienza logistica.  >>

23/03/2018
GDA80, il piccolo gioiello Sacmi-Gaiotto protagonista in oltre 100 stabilimenti di tutto il mondo
Dal suo lancio sul mercato, nel 2013, i dati raccolti sul campo parlano chiaro: in un solo anno di utilizzo l’investimento viene ammortizzato grazie a risparmi superiori al 90% su interventi manuali e ricambistica  >>

 

Questo sito web utilizza i "cookies". Proseguendo nella navigazione del sito, si autorizza l’uso dei cookies in conformità alla nostra politica sui cookies. Per saperne di più o negare il consenso ad alcuni cookies clicca qui.

accept cookie policy