laboratoriomister.it


crit-research.it


liamlab.it

 
La nostra storia... 1919 1920-1930 1930-1940 1940-1948 1949 1951-1960 1960-1980 1980-1990 1990-2000 2000-2014 2014-oggi

Crescita, diversificazione, integrazione, ricerca: queste le solide basi su cui poggia il Gruppo Sacmi e nelle quali trova forza ed entusiasmo per cogliere con successo nuove importanti sfide imprenditoriali.

 

Sacmi infatti investe ogni anno risorse importanti in ricerca e sviluppo, attività strategiche per la formazione di una cultura e di una professionalità interne, al servizio di tutte le società del Gruppo e a disposizione dei clienti in tutto il mondo. Espressione di questo indirizzo è il Centro Ricerche & Sviluppo che, attraverso laboratori chimico-fisici, laboratori tecnologici e impianti pilota, sviluppa una conoscenza approfondita delle specifiche materie prime, dei processi e tecnologie – consentendone così l’ottimizzazione dell’utilizzo nelle diverse applicazioni – e conduce attività di test e controllo su macchine e prototipi in sinergia con tutte le società del Gruppo, accompagnando il cliente nello sviluppo di soluzioni impiantistiche e tecnologiche certificate e personalizzate.

 

Dal 2002 – anno dell’inaugurazione del nuovo Centro Ricerche Avanzate, indirizzato allo sviluppo di sistemi di controllo di processo, quali sistemi di visione artificiale e sistemi olfattivi elettronici – si va al 2003, quando Sacmi acquisisce Riedhammer, azienda tedesca con 90 anni di storia alle spalle, specializzata nella progettazione e produzione di forni industriali per ceramici speciali, ceramica sanitaria, stoviglieria, refrattari e carbone: un’acquisizione che contribuisce in modo determinante al mantenimento di posizioni di leadership nel mondo da parte del brand Riedhammer, incrementando allo stesso tempo le prospettive di business per Sacmi Forni, la cui gamma di offerta è stata ulteriormente perfezionata ed ampliata, negli ultimi anni, nella direzione della riduzione dei consumi con lo sviluppo della linea EKO. Un’attività che, anche in questo caso, ha trovato il proprio filo conduttore nella Ricerca&Sviluppo e, quindi, nella produzione e nella progettazione di soluzioni sempre più avanzate nel reparto cottura, per garantire ottimizzazione dei consumi energetici e rispetto dell’ambiente.

 

Altro anno di svolta il 2009, quando Sacmi ha unificato sotto un’unica Divisione Beverage le società Sacmi Filling, Sacmi Verona (ex Sacmi Labelling), Sacmi Imola, Sacmi Pakim e Sacmi Packaging, proponendosi come partner unico per la progettazione e la produzione di impianti completi, dalla materia prima alla bottiglia; un business che, dal 2015, è stato centralizzato anche dal punto di vista commerciale, per operare in modo coerente e allo stesso tempo capillare in tutti i mercati mondiali. Tra i frutti di questa operazione – grazie alle sinergie di Gruppo e all’attività dedicata del laboratorio R&S – la capacità Sacmi di diventare partner privilegiato presso i più importanti imbottigliatori nazionali e globali, nonché di ottenere importanti certificazioni di qualità da parte di alcuni colossi del settore, ad ulteriore garanzia per il committente, che viene accompagnato fin dalla fase progettuale e di test quindi per tutta la vita utile della macchina e dell’impianto.

 

Crescita, diversificazione, investimenti in R&S mantenuti a livelli importanti anche durante la crisi dei mercati finanziari internazionali e stabilmente di svariate decine di milioni di Euro anche nel 2014; quindi, potenziamento dei servizi commerciali, produttivi e di assistenza after-sales in tutto il mondo, per operare il più vicino possibile ai committenti ed ai mercati-target. Infine la realizzazione – a fianco della capillare struttura commerciale – di vere e proprie sedi produttive all’estero (non ultimo lo stabilimento di Sanand, in India, inaugurato all’inizio del 2015) con l’obiettivo preciso di sostenere la concorrenza e difendere la leadership nei business tradizionali, mantenendo così lo sviluppo delle strutture e degli investimenti in Italia.

 

È grazie a questa strategia se Sacmi, da un lato, sviluppa oggi ben l’88% del proprio fatturato all’estero, mantenendo il proprio cuore tecnologico e produttivo nel nostro Paese ed in particolare nella casa madre di Imola. Dall’altro, diversificazione dei business e azione di prossimità verso i principali clienti e mercati target in tutto il mondo hanno consentito a Sacmi di rafforzare la propria quota di mercato sia nei business tradizionali della ceramica e del packaging, sia nei nuovi business di riferimento, nei quali l’azienda è stata capace di entrare ed evolversi in pochi anni, raggiungendo – e spesso superando – gli standard produttivi proposti dai principali competitor.

I nasi elettronici

Questo sito web utilizza i "cookies". Proseguendo nella navigazione del sito, si autorizza l’uso dei cookies in conformità alla nostra politica sui cookies. Per saperne di più o negare il consenso ad alcuni cookies clicca qui.

accept cookie policy